Il fascino del whisky nel mondo

Il whisky ha origini Scozzesi ed è senza dubbio uno dei migliori alcolici al mondo, ogni botte ha una varietà di sapori che danno vita ai whisky pregiati. Per essere considerati tali essi devono essere prodotti in Scozia e devono essere invecchiati di minimo 3 anni in botti apposite di legno con una gradazione pari a 40 gradi.

Il whisky inizialmente veniva usato come un vero e proprio medicinale, prima come anestetico e in seguito come antibiotico.

Mentre per alcuni whisky può essere un seme dello spirito o della creazione, per le grandi industrie è un grande business. I metodi di produzione che un tempo derivavano dalla magia sono ora sempre più sostituiti da una tecnologia ispirata alla scienza.

Il processo di distillazione, l'ottenimento di aromi e sapori, è cambiato di generazione in generazione, per cui è quasi impossibile conoscere la formula originale. Oggi le distillerie utilizzano diversi metodi di fabbricazione per esaltare determinati aromi e sapori, il che permette di dare identità e carattere.

Il whisky è stato celebrato nella poesia, nell'arte e nella letteratura di tutto il mondo. Si dice che questa bevanda sia nata prima del XV secolo. L'arte della sua produzione è iniziata come una bevanda per riscaldare la gola e, perché no, il corpo. All'inizio, era apprezzato dagli abitanti dei villaggi e dai contadini delle isole britanniche, essendo il più utilizzato nella stagione invernale.

Nel 1494 fu conservata la prima documentazione storica del whisky, avendo come origine la Scozia. Realizzata dai monaci, che la preparavano per scopi medicinali, a quei tempi questa bevanda era conosciuta come aqua vitae o acqua della vita; il termine corretto era però uisge beatha, che più tardi nel XVIII secolo si trasformò in usky dando origine al termine whisky.

Ci sono due tipi, il whisky di malto e il whisky di grano.

Whisky di malto: questo deriva dalla posizione geografica delle distillerie dove vengono prodotti, ad esempio, i whisky di malto di pianura prodotti a sud di un'immaginaria linea orientale a Dundee, fino ai single malt whisky, che hanno un bouquet più pronunciato, rispetto ai cereali.

Il whisky di grano: la sua produzione non è legata ad una localizzazione geografica, può essere prodotto ovunque in Scozia.

Sebbene il suo consumo sia legato a una corporazione con un grande potere d'acquisto, le sue origini sono più semplici e ricche di tradizione.

Com'è fatto il whisky

La temperatura è controllata, il che impedisce la distruzione degli enzimi (circa 70°C). Per il processo, è importante menzionare un ingrediente che viene aggiunto al forno, che deve dare al whisky un caratteristico sapore scozzese chiamato torba. Si tratta fondamentalmente di un conglomerato millenario di impianti di decomposizione (carbone giovane o torba), i cui componenti si trovano per il 23% in territorio scozzese.

Macerazione: il malto secco viene portato al mulino, dove viene mescolato con acqua calda in una vasca di ammostatura. L'acqua viene aggiunta in tre fasi, inizia ad una temperatura di circa 67 ºC, per poi essere portata al punto di ebollizione. La purezza dell'acqua scozzese è molto importante, poiché darà un certo sapore caratteristico al whisky di questa regione. Dopo la macinazione, si ottiene un liquido zuccherato chiamato mosto di malto.

Fermentazione: il mosto viene raffreddato a 20 ºC in contenitori chiamati washback, dove viene aggiunto del lievito per avviare la fermentazione. Il lievito si nutre dello zucchero, dando origine a piccole quantità di alcool e altri composti che aggiungono sapore al whisky. Due giorni dopo, la fermentazione si fermerà e ora questa bevanda avrà tra i 6 e gli 8º di alcol in volume.

Distillazione: l'ormai chiamato lavaggio verrà distillato due volte in pentole diverse. La prima distillazione separa l'alcool dal resto, dai residui solidi. Il risultato è chiamato vini bassi, che contengono il 20% di alcool in volume. In questa fase si ottengono altri composti più volatili chiamati foreshot e finte, che verranno nuovamente distillati dando luogo ad una seconda partita di vini bassi, mentre la prima ottenuta, va alla seconda distillazione in un vaso chiamato alambicco.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi