Cammino di Santiago de Compostela: informazioni e consigli utili

Nel mondo sono disponibili innumerevoli vie di peregrinazione, strade queste che i pellegrini da secoli intraprendono a piedi per raggiungere città o luoghi considerati santi. Tra le vie di peregrinazione in assoluto più famose e solcate, dobbiamo senza dubbio ricordare il Cammino di Santiago de Compostela. Anno dopo anno sempre più pellegrini hanno scelto di intraprendere questo cammino. Stando alle statistiche, sembra che si tratti di circa 200.000 pellegrini all’anno, che arrivano da ogni parte del mondo. Andiamo insieme a scoprire allora informazioni, curiosità e consigli utili per intraprendere questo cammino.
 

Cammino di Santiago, è adatto solo per i fedeli?

È vero, il Cammino di Santiago è una strada che viene solcata da secoli dai pellegrini cristiani. Questo però non significa affatto che solo i cristiani, i credenti, i fedeli possano intraprendere un cammino di questo genere. Questo cammino infatti è perfetto per tutti coloro che amano il trekking e le lunghe camminate, per chi vuole stare a diretto contatto con la natura, per chi desidera ritrovare la sua connessione con il mondo, quella connessione che la nostra società contemporanea, le nostre città grigie e ricche di asfalto, la nostra routine quotidiana sin troppo frenetica ci hanno fatto perdere. Non solo, il Cammino di Santiago è stato spesso scelto anche da persone che si sono ritrovate costretta a vivere una sofferenza importante come la perdita di una persona amata ad esempio o un dolore, persone che nel cammino hanno trovato una valvola di sfogo, un modo per ritrovare se stesse e scacciare via la sofferenza una volta per tutte. Potrete trovare molte testimonianze sui molti blog sul trekking che trovate in rete.

Quanto tempo è necessario per percorrere il Cammino di Santiago

La rotta più famosa del cammino di Santiago, quella che viene comunemente definita cammino francese, ha una lunghezza di circa 800 km. Si estende dai Pirenei sino alla Galizia. Per intraprendere questo lungo percorso i pellegrini impiegano in media 1 mese di tempo. 

Ovviamente si tratta di una media. Ci sono pellegrini che percorrono questo cammino in modo più veloce, altri che impiegano anche il doppio del tempo. Ognuno dopotutto ha i suoi tempi, tempi che non dipendono solo ed dalla propria preparazione fisica, ma anche dall’esperienza che si vuole vivere e dal ritmo del proprio spirito. 

Ci sono persone che vogliono restare sempre sul cammino e pensare solo a camminare. Ci sono persone che invece vogliono anche godere delle bellezze della zona e fermarsi per ore o giorni in alcuni dei luoghi più suggestivi come ad esempio Navarra, La Rioja, Castiglia-Leòn, Roncisvalle, Santo Domingo de la Calzada con la sua cattedrale, il monastero di San Juan de Ortega, O Cebreiro. Ci sono persone che amano trascorrere momenti conviviali e altre che invece vogliono restare sempre da soli. Ogni pellegrino è un mondo a parte, con le sue specifiche esigenze. 

 

Camino di Santiago, il bagaglio e l'abbigliamento 

Per intraprendere il Cammino di Santiago senza difficoltà è necessario indossare abbigliamento e sportivo e scarpe comode; indispensabile anche un copricapo, nelle stagioni fredde si vedono, visto il genere di cammino, molti berretti in lana fatti a mano. Ovviamente c’è bisogno di uno zaino, che però deve essere quanto più leggero possibile. Inutile portarsi un'immensa zavorra che rallenterebbe il cammino, che potrebbe creare non pochi dolori, che inoltre è inutile dato che vicino al camino di svantaggio ci sono molti posti dove potersi fermare per acquistare tutto ciò di cui si ha bisogno. Generalizzando, uno zaino da una decina di chilogrammi è da considerarsi come più che sufficiente. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi