Bambole Reborn: tutto quello che c’è da sapere

Al giorno d'oggi quello delle bambole Reborn è un fenomeno molto diffuso in tutto il mondo. Si tratta infatti di particolari bambole dell'aspetto estremamente realistico che ricordano in maniera estremamente fedele veri e propri neonati. Tali bambole sono realizzate con una tecnica specifica e con una grande attenzione al dettaglio e di solito vengono acquistate dai collezionisti anche perché hanno un prezzo piuttosto alto.

 

Le bambole che hanno l'aspetto di un neonato: il fenomeno che impazza nel mondo

Il termine bambole Reborn significa bambole rinate ovvero nate due volte. Con questa denominazione si indicano delle bambole che hanno l'aspetto di un bambino vero e sono realizzate in modo estremamente accurato grazie al lavoro di bravissimi artigiani. Nulla viene lasciato al caso: i creatori delle bambole Reborn infatti non realizzano soltanto le parti principali di un bambino come occhi, mani, viso ma anche gli aspetti più particolari come ad esempio le vene, gli arrossamenti, i capillari e le macchie da latte. Generalmente il materiale con cui vengono realizzate queste bambole è il vinile, che deve subire prima un lavaggio con acqua e sapone per essere poi preparato al meglio. Successivamente viene scelto il colore della pelle della bambola: anche in questo caso si tratta di un colore molto realistico che presenta sfumature e zone di luce e di ombra e viene realizzato con colori indelebili e non tossici. Dopo aver preparato la struttura di base si passa alla creazione dei dettagli come l'apertura delle narici per dare un senso di profondità, la lucidatura dei punti più umidi per ottenere un risultato bagnato (ad esempio sulle labbra) e poi l'inserimento di ciglia, sopracciglia e capelli. Questi ultimi vengono cuciti a mano uno o al massimo due per volta con una tecnica estremamente precisa per ricreare l'effetto di veri e propri capelli. Proprio per tale ragione infatti viene usato il mohair, un tessuto molto morbido che ricorda i capelli umani.

 

Le bambole che hanno un effetto terapeutico per la salute

Molto spesso si tende a pensare che le bambole Reborn siano dei giocattoli, poiché il loro nome può trarre in inganno. In realtà non è affatto così: il loro utilizzo infatti è vietato a chi ha meno di quattordici anni. Negli ultimi tempi il fenomeno di queste bambole si sta diffondendo anche in Italia ma fino a qualche tempo fa era piuttosto sconosciuto. Esso infatti nasce negli anni Novanta in seguito all'interesse di alcuni collezionisti interessati alla perfezione estetica. Oggi le bambole reborn sono utilizzate per diversi scopi: oltre ad essere prodotti da collezione possono essere anche utilizzate nel mondo del cinema quando non si può fare ricorso a un bambino vero, oppure si possono usare per fini terapeutici. Sembra infatti che queste bambole siano un vero e proprio toccasana per chi soffre di malattie depressive, stati di ansia, disturbi del comportamento, malattie psicologiche e Alzheimer. Esse inoltre possono rappresentare un valido aiuto per le donne che non hanno potuto avere figli.

Le bambole Reborn non devono essere confuse con delle semplici bambole usate come giocattoli. Esse infatti sono realizzate con estrema cura e attenzione al dettaglio. Bisogna però non utilizzarle in maniera sbagliata: sebbene la Doll Therapy sia comunque una terapia molto utile per chi soffre di patologie psicologiche, non bisogna confondere tali bambole con dei bambini veri e tenere bene a mente che si tratta di oggetti che non possono avere delle reazioni.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi